Esami

Biotesiometria peniena

biotesiometria visita pene

La biotesiometria peniena è un esame che viene impiegato per valutare quale sia la soglia di sensibilità ad uno stimolo vibratorio della cute del pene.

Molto utile per valutare quale sia lo stato dei nervi sensitivi del pene, ossia di quei nervi atti a favorire il piacere sessuale. Questo tipo di esame viene richiesto (anche se più raramente rispetto ad altre tipologie di test) per valutare le cause della disfunzione erettile o dell’eiaculazione precoce.

Il biotesiometro è un dispositivo vibrante in grado di variare tra differenti frequenze.

Si posiziona sulla punta del dito della mano e la frequenza vibrante viene gradualmente incrementata fino a quando il paziente non avverte la sensazione della vibrazione, momento in cui viene valutata definitivamente la cosiddetta soglia sensitiva che viene successivamente registrata. La misurazione avviene in vari punti del pene e infine sul glande.

Un nomogramma riporta successivamente tutti i vari i valori ottenuti e li confronta con i valori normali per età e zona peniena esaminata. Qualora la sensibilità risulti molto ridotta sarà possibile sospettare un danno di vario genere a carico dei nervi sensitivi del pene.

In questo modo si può identificare in modo precoce una neuropatia, specialmente in chi sia diabetico. L’esame è generalmente molto meno affidabile nelle persone anziane poiché la sensibilità generale del corpo va diminuendo con l’età.