Esami

PSA (Antigene Prostatico Specifico)

psa antigene prostatico

L’antigene prostatico specifico (PSA) è una sostanza prodotta dalla ghiandola prostatica. Alti livelli di PSA possono essere un segno di cancro alla prostata, ma anche di una condizione non cancerosa come la prostatite o una ghiandola prostatica ingrossata.

Livelli normali

Non esiste un PSA normale per nessun uomo a una determinata età ma esistono piuttosto dei range di riferimento ai quali attenersi, e la maggior parte degli uomini con carcinoma prostatico ha un livello di PSA superiore a questi limiti. In generale:

  • livello sicuro: da 0 a 2,5 ng / mL;
  • sicuro per la maggior parte: da 2,6 a 4 ng / mL. Parla con il tuo medico di altri fattori di rischio se temi di poter avere il cancro alla prostata;
  • sospetto: da 4 a 10 ng / mL. C’è una probabilità del 25% di avere il cancro alla prostata;
  • pericoloso: 10 ng / mL e oltre. Si rivolga immediatamente al medico. C’è una probabilità del 50% di avere il cancro alla prostata.

Come funziona il test

Il test prevede un semplice prelievo di sangue, di solito dal braccio. Il medico invierà il campione a un laboratorio e nel giro di qualche giorno si possono ottenere i risultati.

In caso di valori elevati

Se un uomo che non presenta sintomi di carcinoma della prostata sceglie di sottoporsi a screening del carcinoma prostatico e risulta di avere un livello elevato di PSA, il medico può raccomandare un altro test del PSA per confermare la scoperta originale. Se il livello di PSA è ancora elevato, il medico può raccomandare che l’uomo continui con test del PSA e altri test specifici a intervalli regolari per controllare eventuali cambiamenti nel tempo.

Se il livello di PSA di un uomo continua ad aumentare o se viene rilevato un nodulo sospetto durante un test, il medico può raccomandare ulteriori test per determinare la natura del problema. Un test delle urine può essere raccomandato per verificare la presenza di un’infezione del tratto urinario. Il medico può anche raccomandare test di imaging, come un’ecografia transrettale, radiografie o cistoscopia.

Se si sospetta il cancro alla prostata, il medico consiglierà una biopsia prostatica. Durante questa procedura, vengono raccolti più campioni di tessuto prostatico inserendo aghi cavi nella prostata e quindi estraendoli. Un patologo esamina quindi il tessuto raccolto al microscopio. Il medico può utilizzare gli ultrasuoni per visualizzare la prostata durante la biopsia, ma gli ultrasuoni non possono essere utilizzati da soli per diagnosticare il cancro alla prostata.