Esami

Uretrocistografia

estrofia vescicale img

L’uretrocistografia, anche chiamata uretrocystografia retrograda, è una radiografia che visualizza la vescica (cisto-) e l’uretra (uretro-), che è il canale che conduce l’urina dalla vescica all’esterno del nostro corpo.

Si basa sull’introduzione di una sostanza opaca a raggi X nella vescica, che consente una migliore visualizzazione.

Questa tecnica viene utilizzata in varie situazioni, tra cui:

  • scoprire l’esistenza di un reflusso vescico-ureterale, vale a dire un aumento permanente o intermittente di urina dalla vescica ai reni. Questo è un esame frequentemente eseguito nei bambini;
  • in caso di difficoltà a urinare (ad es. correlato a un ipertrofeo della prostata nell’uomo);
  • esplorare il restringimento (stenosi) dell’utero o dopo un trauma uretrale;
  • evidenziare un’anomalia nella morfologia della vescica o un’ostruzione allo svuotamento della vescica.

Come si svolge l’indagine

Pochi giorni prima dell’operazione, verrà eseguita una coltura delle urine per garantire che non vi siano infezioni del tratto urinario.

Non è necessaria alcuna preparazione speciale, ma è necessario urinare prima dell’esame, che dura circa 45 minuti.

Il personale medico inizia posizionando un catetere urinario, dopo aver pulito il tratto urinario stesso. Una volta che il paziente è sdraiato sul tavolo per l’esame, il prodotto opaco (iodio) viene introdotto dalla sonda per “colorare” la vescica. Si può evincere, in questo passaggio, una sensazione di irritazione o bruciore.

I raggi X dell’uretra e della vescica vengono rilevati durante il riempimento della vescica fino a quando il paziente sente il bisogno di urinare. Questa è la cosiddetta fase “retrograda” dell’esame.

Poi arriva la seconda fase, chiamata “minzione”. Il paziente è invitato a urinare in un contenitore (rimanendo sul tavolo di imaging) e vengono eseguite le radiografie successive.

Durante l’esame, è possibile che vi venga chiesto di cambiare posizione per alcuni passaggi (mettendosi ad esempio sul lato, sul retro, ecc.).

Risultati

Dopo l’uretrocistografia, si consiglia di bere molta acqua per ridurre la sensazione di bruciore durante la minzione. La sensazione di disagio a urinare o la presenza di alcune gocce di sangue nelle urine sono normali immediatamente dopo l’esame, ma devono essere segnalate al medico se persistono per diversi giorni.

A seconda dei risultati della radiografia, l’urologo ti indirizzerà alle cure appropriate.

In caso di reflusso vescico-ureterale, potrebbe essere preso in considerazione un trattamento chirurgico.